About

WISH – World International Sicilian Heritage

presenta la
BIAS 2018 , ossia una esposizione transnazionale che, previa Call, bando pubblico aperto a tutti i visulartist nel mondo, negli anni pari, viene organizzata nel centro storico di Palermo con una estensione strategica ad altri luoghi significativi dislocati in tutta la Sicilia e che abbiano uno stretto legame con BIAS e il tema scelto per l’edizione in corso.

BIAS è l’acronimo del più ampio titolo dell’esposizione Biennale Internazionale Arte Contemporanea Sacra delle religioni dell’Umanità.

BIAS, in inglese, ci riporta anche alla parola PREGIUDIZIO, all’idea di un giudizio che anticipa la conoscenza, all’opinione preconcetta all’origine del comportamento sospettoso e ostile che di norma gli uomini assumono reciprocamente nell’osservazione e nella comunicazione della loro diversità culturale e che spesso sfocia in manifestazioni tragiche come in rischiose marginazioni politico-economiche.

BIAS si pone quale obiettivo fondamentale la demolizione di ogni dogma preconcettuale, aprendosi invece alla possibilità di un invito alla conoscenza, esercitato attraverso il dialogo forte e reale tra i vari credo del mondo – filosofico, religioso e scientifico – nonché tramite la dialettica passato-presente-futuro, nella piena consapevolezza che la Storia non deve essere esclusivamente musealizzata, ma deve invece ergersi a modello, farsi memoria vissuta e interagire con la contemporaneità.

Questa prospettiva della BIAS, che è prima di tutto un avvio d’indagine e ricerca, uno spunto performativo di riflessione, si avvale dunque del confronto e della reciproca sussistenza tra Old Master Painting e Arte moderna e contemporanea, nonché della definizione di spazi espositivi, i Padiglioni, differenziabili in relazione al proprio credo (religioso, filosofico o scientifico) e al proprio progetto. Tra i principali Padiglioni della BIAS vi sono:

Padiglione Filosofico | Padiglione Scientifico-Darwiniano | Padiglione delle Religioni Perdute | Padiglione Abramitico [declinato nei Padiglioni Ebraico, Cristiano, Ortodosso, Protestante, Maronita, Islamico] | Padiglione Zoroastriano | Padiglione Sciamano | Padiglione Indù | Padiglione Buddista | Padiglione delle Religioni africane | Padiglione Ateo | Padiglione Sincretista.

La collocazione dell’artista all’interno di uno al massimo tre Padiglioni è astratta e risponde al percorso progettuale dell’artista stesso, in stretta relazione al tema proposto dalla BIAS in sede di Call.

Il tema della BIAS 2016 è stato LA CREAZIONE.

Il tema della BIAS 2018 è invece LA PORTA. Porta itineris longissima dicitur esse. La porta intesa come soglia filosofica, come limen privilegiato. Letteralmente il celebre motto latino significa che la porta è la parte di un viaggio più lunga da attraversare. Il primo passo che viene compiuto oltrepassando una porta, un’altra cultura, un altro mondo, è, in altri termini, quello più complesso, perché spesso ancora “contaminato” da atteggiamenti diffidenti e/o pregiudiziali in grado di deformare lo sguardo e creare disagio. Oltrepassata la soglia, il viaggio per la conoscenza è più libero e spontaneo.

La Call è stata aperta, dal primo luglio 2017, con partecipazione al bando consultabile e scaricabile con l’Application Form sul sito www.biasinstitute.it.

Ogni artista ha proposto da una a tre opere compiute e inedite sul tema, oppure progettualità realizzabili anche Site-specific. Le proprie opere vengono accompagnate da un breve componimento critico, che aiuti a disvelarne il senso, e da una precisa scelta di collocazione tra i Padiglioni espositivi indicati, in relazione alle proprie scelte artistiche e di vita.

Le opere sono state selezionate dal Comitato Curatoriale di Selezione che valuta il progetto laboratoriale, il percorso dell’artista, il progetto Site-specific o l’opera finita, nonché la sua collocazione nell’ambito dell’esposizione in un dialogo allestitivo nei suggestivi luoghi della BIAS, tra palazzi storici, musei, sagrati, chiese e oratori del Centro storico di Palermo o tra parchi, città e paesi, strategici, dislocati per tutta la Sicilia.

Il Comitato di Selezione, diversamente composto, alla fine della rassegna selezionerà i tre artisti e i tre padiglioni più significativi della BIAS 2018.

Alla BIAS possono partecipare artisti di ogni genere, pittori e scultori, incisori e fotografi, performer, architetti, compositori musicali etc.,  in aderenza a una dinamica sempre più trasversale dell’arte contemporanea odierna.

Nel corso della BIAS 2018, come già accaduto in quella del 2016, vengono inoltre organizzati numerosi eventi, conferenze, meeting, concerti, rappresentazioni teatrali, incontri editoriali, in stretta connessione con l’arte, la protagonista indiscussa, ma anche con tutti gli operatori culturali, interessati alla tutela, alla promozione, alla fruizione e alla valorizzazione delle arte passata e presente, in termini umanistici, scientifici, tecnici e giurisprudenziali.